2023: l'anno dei Ristoratori

2023: l'anno dei Ristoratori

Ebbene sì, il 2023 è l’anno dei Ristoratori. Ma non di tutti.

Il momento che aspettavamo da oltre tre anni è arrivato: il 2023 sarà l’anno dei Ristoratori.

Secondo il report 2022 del Foodservice Market Monitor, lo studio di Deloitte dedicato all’analisi della ristorazione a livello globale, la crescita del settore sarà tra le più importanti a livello mondiale, e ci riporterà ai livelli pre-pandemici nel 2023.

Secondo l’analisi, il rimbalzo del mercato sarà trainato dai formati di ristorazione più agili: Café e Bar (+8,1%) e Street Food (+5,6%), insieme ai formati più consolidati come il Full Service Restaurant (+5,7%).

Anche la cucina italiana, in Italia e nel resto del mondo, conoscerà un periodo di crescita importante, già iniziata nel 2022 facendo registrare un +25% rispetto al precedente ma non ancora tornata ai livelli pre-Covid. 

Per consultare il report completo potete scaricarlo da questo link.

Tutto risolto, dunque? No, cari amici. il mondo, nel frattempo, è cambiato, sono cambiate le abitudini dei consumatori e le tendenze enogastronomiche. Si sono affermati nuovi modelli, e strumenti innovativi sono entrati prepotentemente sul mercato fornendo un importante vantaggio competitivo a chi ha saputo coglierne il potenziale. Per comprendere il fenomeno di cui parliamo, riportiamo di seguito le dichiarazioni rilasciate da Tommaso Nastasi, Value Creation Services Leader di Deloitte: “La pandemia prima e il conflitto dopo hanno modificato profondamente alcune dinamiche nel settore Foodservice. Oltre a considerare le urgenze dettate dalla situazione contingente, le realtà della ristorazione non possono però dimenticarsi delle grandi trasformazioni in atto, come quella tecnologica. Per salvaguardare la sostenibilità del business nel lungo periodo, le aziende del settore devono considerare tre imperativi: investire sulle competenze e l’integrazione di front e back end, potenziare l’engagement sia verso i clienti sia verso il proprio personale, e innovare l’esperienza per il cliente, facendo leva su soluzioni digitali di prossima generazione.

Parole importanti che non lasciano spazio all’interpretazione: la domanda del mercato è pronta per dare nuovo slancio al settore, ma l’offerta dovrà farsi trovare altrettanto pronta alle mutate esigenze dei consumatori. 

“Cosa dobbiamo fare, dunque???” – vi chiederete.

Dobbiamo evolverci, cari amici Ristoratori. Dobbiamo dare inizio a un cambiamento culturale della nostra azienda, per trainare l’evoluzione del  nostro business. Dobbiamo investire nella cultura aziendale, nella formazione, nella consulenza: non possiamo pensare di portare avanti un’azienda nel settore della Ristorazione senza crescere culturalmente, senza cogliere i cambiamenti che avvengono intorno a noi.

Il consiglio che possiamo darvi è quello che noi seguiamo da sempre: studiate, non smettete mai di imparare, siate curiosi, siate aperti all’accrescimento culturale attraverso l’esperienza di professionisti del vostro settore. E poi, non accontentatevi mai. Non accontentatevi dei numeri del vostro Ristorante, anche quando sembra che le cose stiano andando bene. Ponetevi sempre nuovi e più sfidanti obiettivi, cercate le persone più brillanti per il vostro staff e, soprattutto, assumete il pieno controllo del vostro Ristorante. È importante che restiate saldamente al timone del vostro business, e perché ciò sia realizzabile occorre ripensare in ottica evolutiva il sistema interno per il controllo di gestione e dotarsi degli strumenti informatici più avanzati come i Restaurant Management System di ultima generazione.

Volendo tirare le prime conclusioni, il 2023 è l’anno dei Ristoratori… ma non di tutti. Il nostro impegno per quest’anno è di accompagnare tutti i player del settore che sapranno cogliere i cambiamenti in atto in un percorso di crescita collettiva, utilizzando tutti i nostri canali, dal blog alla newsletter, dai canali social alla Community Ristoratori in Movimento per diffondere la cultura del Restaurant Management. Continuate a seguirci, insomma, perché abbiamo davvero tanto da condividere con voi!

Apri Chat
Come possiamo aiutarti?
Cosa possiamo fare per te?